BIBLIOTECA: DRAGON BALL - Tutto quello che non sai: Dal super saiyan coi capelli neri alla leggenda del finale di Freezer; dal flop del manga alle vere origini della Kamehehameha e del Tenkaichi

DRAGON BALL - Tutto quello che non sai: Dal super saiyan coi capelli neri alla leggenda del finale di Freezer; dal flop del manga alle vere origini della Kamehehameha e del Tenkaichi
Autore: Angelo Cavallaro
Edizione: Selfpublishing su amazon
Prezzo: € 3.99


Sinossi
Non c’è bisogno di spiegare cosa sia Dragon Ball, di cosa parla e chi l’ha disegnato.
Tutti, infatti, conoscono il più popolare tra i manga, “il” battle shonen per eccellenza.
E tutti potrebbero raccontare qualcosa di diverso a proposito della propria esperienza con questo fumetto, perché tutti, nel corso della propria vita, hanno avuto a che fare almeno una volta con quest’opera.
Insomma, tutti conoscono Dragon Ball.
Tutti sanno cos’è Dragon Ball.
Perché tutti sanno tutto di tutto di Dragon Ball.

O forse no.
Non sanno niente.
Perché è vero che tutti conoscono le vicende di Dragon Ball, ma quasi nessuno conosce la storia del processo creativo che ha portato Akira Toriyama a scrivere e disegnare uno dei capisaldi del fumetto mondiale.
Tutti sanno chi è Goku, ma quasi nessuno sa com’è nato veramente; tutti hanno letto il manga o visto l’anime, ma in pochi hanno mai sfogliato il “Viaggio in Occidente”, di cui Dragon Ball, originariamente, era una parodia.
Tutti sanno che Dragon Ball è uno dei fumetti più venduti della storia, ma in pochi sanno che agli inizi fu un vero e proprio flop, che deluse i lettori nipponici, e che, per questo motivo, rischiava la chiusura anticipata.

A distanza di 30 anni dalla prima pubblicazione, e a 20 dalla sua conclusione “ufficiale”, Dragon Ball continua ad essere una miniera inesauribile di fatti sconosciuti e retroscena incredibili.
Com’è nato, seriamente, Dragon Ball?
Quali sono le opere che hanno influenzato Akira Toriyama?
Perché i lettori del fumetto odiavano profondamente Son Goku?
Qual è la vera storia dell’onda Kamehameha?
Perché tutti pensano che Dragon Ball, nelle intenzioni di Akira Toriyama, si sarebbe dovuto concludere con la saga di Freezer?
È vero che il Super Saiyan avrebbe dovuto avere i capelli neri?
Qual è la vera origine del torneo Tenkaichi?
A cos’è dovuto il successo straordinario di questo manga, tra albi a fumetti, anime, action figures, dvd, blu ray, OAV, film ed edizioni deluxe?

Scopriamolo insieme.


Parere
Il saggio in questione è qualcosa di assolutamente fuori da ogni norma italiota, dal momento che tratta un argomento che - se ti va bene - ti rende agli occhi dell'italica gente alla stregua di un deficiente. Perché, nella subcultura letteraria di questo Paese - ahinoi - leggere i manga o guardare gli anime se hai più di dodici anni non è accettabile.
Quindi, da amante di Dragon Ball (ho la primissima edizione Star Comics ancora in bella vista e incellofanata sullo scaffale) non potevo perdermelo, sarebbe stato mio comunque, prima o poi. E devo dire che è stata una lettura interessante.

Lo stile di Cavallaro è fluido, considerando che scrivere un saggio è una delle cose più difficili, tutto sommato non annoia (cosa in cui si rischia di incappare sempre, nei saggi) e dimostra tutta la sua cultura in materia e le ricerche svolte per la stesura di questo testo. Ho trovato particolarmente interessante la soluzione adottata di fare una sorta di biografia lavorativa di Toriyama infarcendola di aneddoti e reprise di momenti storici, sia sociali che culturali, del Giappone, nonché di "flashback" che diano il senso di cosa sta alle origini di molte cose. Questa soluzione, però, a lungo stanca e unita all'uso delle note - spesso tenute come approfondimento del pensiero personale dell'autore - tende a rendere dispersivo il tutto.
Il linguaggio semplice e diretto, che alcuni criticano come da blog e non da saggio, è quell'aspetto che lo rende così facilmente fruibile e adatto anche a un lettore che di anime e manga ne sa poco o nulla. Anche se, su una cosa in particolare, devo dar ragione: l'uso degli hashtag di twitteriana memoria proprio non si possono leggere in un testo che viene considerato "saggio". #totaletombale. Ci sono anche altre piccolezze, ma non le sto nemmeno a prendere in considerazione.

I fatti narrati spaziano su pochi e mirati argomenti, approfondendo però tutto l'aspetto socio-culturale, letterario, narrativo e biografico di Toriyama, certo, ma anche di Torishima, l'editor di Shonen Jump che scoprì e lanciò l'autore di due tra i fumetti più amati: "Dr. Slump e Arale" e, per l'appunto, "Dragon Ball". La qual cosa non è sempre esattamente scontata, perché all'analisi di un testo spesso non si considera il background dell'autore, le sue idee, l'intuito e il percorso creativo e professionale che l'ha portato a realizzare l'opera che tanto amiamo e che ha sicuramente influenzato il mondo più di quanto si possa immaginare. O, se viene fatto tutto questo, viene fatto in modo noioso o poco approfondito.

Alla fine del saggio, che tocca argomenti e dettagli non sempre (o sfata miti fin troppo) noti al grande pubblico, viene proposta da Cavallaro una sorta di intervista ad alcuni suoi amici youtuber, cosa FORSE più adatta a un articolo da blog che a un saggio, di certo avrei preferito leggere il parere di voci più autorevoli o più note nel campo di anime e manga piuttosto di qualcuno a me totalmente sconosciuto, ma è un mio sentire personale.Di certo non mi ha disturbato così tanto.

In definitiva, rimane comunque un testo dispersivo, che deve essere letto tutto d'un fiato pena il rischio di perdersi qualche passaggio e non sarà un sacrificio farlo, visto che sia l'argomento, sia lo stile e anche le poche pagine che lo compongono, contribuiscono a una soluzione di questo genere. A questo, uniamoci un cambio di registro - da saggista/semi-professionale a colloquiale - che abbassa il livello generico del libro e capirete perché ho fatto sfumare la quarta stellina. Per il resto, se amate dragon ball, ora che sapete cosa aspettarvi non titubate e prendetevelo, sono certa che scoverete qualcosa che ancora non sapevate su DB.

Voto: 3/5



Vuoi acquistarlo?
Puoi farlo da qui!

Nessun commento

Powered by Blogger.