Il principe del Drago Vol 1



Vi voglio raccontare come ho vissuto la lettura di questo libro che mi ha sorpreso facendomi passare da un'iniziale diffidenza a... beh leggendo lo saprete.





Dettagli prodotto
Formato: Formato Kindle
Dimensioni file: 891 KB
Lunghezza stampa: 388
Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
Editore: Chiara Piunno (3 gennaio 2013)
Autore: Chiara Piunno
Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
Lingua: Italiano
ASIN: B00AWA0Y4U



Sinossi
Mèlas Dracòntos è un assassino. E un reduce: sopravvissuto a un'identità distrutta, a un lutto che ha cancellato i suoi sentimenti, a un destino di sangue che marchia la sua famiglia da secoli, ha un solo scopo che lo spinge a esistere ancora. La vendetta. E seguendo questa scia di morte, intraprende un viaggio le cui svolte, apparentemente casuali, lo conducono a rivivere e affrontare ciò da cui fugge: il dolore.
Saphina Rò di Ròa, è figlia della sacerdotessa degli Dei del Cielo, in viaggio verso la capitale di Eterna per volere dell'Imperatrice, che l'ha convocata. Anche lei è una reduce. Prigioniera della sua famiglia a causa di una colpa inconfessabile che risale all'infanzia, vive nel terrore della "voce" che ha dentro, poiché la incita a fare del male e, prendendo il sopravvento sulle sue emozioni, spesso domina la sua volontà di agire. 
Luscinia Linaioli, una liceale riservata, vive celando un segreto inconfessabile, che la segna al pari della terribile cicatrice che ha sul petto. Nessuno, infatti, sa dove sia stata e cosa abbia fatto nella lunga estate dei suoi sedici anni, dopo essere misteriosamente scomparsa nel corso di una gita scolastica presso le rovine di un castello. Reduce di una disavventura che vuole dimenticare, sopravvive nello sforzo continuo di sembrare una comune adolescente.
Tre distinte esistenze, guidate da poteri che trascendono entrambi i mondi, finiranno per convergere e legarsi indissolubilmente come compagni inconsapevoli di una partita invisibile, la cui posta in gioco sarà la salvezza di tutti.


Trama e Parere
Contiene spoiler
La storia si divide tra due mondi: quello in cui viviamo ed uno fantastico.
Sinceramente all'inizio mi era sembrato banale, un inizio già utilizzato in molti altri romanzi. I due protagonisti, che in realtà ho compreso essere due dei molti protagonisti, non sono i primi personaggi umani a trovare un passaggio che li conduce in un mondo fantastico. Giusto per citarne alcuni:
Abbiamo quelli che aprono un armadio e tra i vestiti si ritrovano in un mondo ghiacciato con personaggi fantastici. (ammettetelo che piacerebbe anche a voi un armadio simile, ce ne stanno di vestiti)
Il bambino che legge un libro e vive in prima persona le avventure del giovane Atreyu.
O i bambini che volano su un'isola fantastica abitata da pirati. fate e bambini.
Di esempi simili potrei riempire un post ma non mi sono sentito di giudicare poco originale la scelta in quanto proseguendo con la lettura ho iniziato a intravvedere degli sviluppi interessanti a cominciare dallo scoprire che i due "terrestri" non erano i protagonisti. Lusciana e Tommaso infatti si sono ritrovati insieme in un mondo bellissimo ma insidioso e sono rimasti lontani dalle loro famiglie per dei mesi. Dopo viene introdotto un nuovo personaggio, e si capisce che è una scrittrice perché non poteva mancare il bel tenebroso. (:P) Melas, ritorna a casa, o in quella che potrebbe definire tale, dopo anni di vagabondaggi. Qui lo attende l'eterna amica/amante, Hescana, taverniera e prostituta all'occorrenza, che lo accoglie sperando che lui si decida a restare. Ma essendo fedele al suo ruolo Melas passa un paio di giornate in compagnia della fanciulla passando dal letto alla tavola e alla vasca da bagno, in ordine variabile fino al mattino in cui riprende il proprio cammino. Ma in questi giorni la sua corazza di freddo autocontrollo si spezza quando Hescana gli rivolge delle parole che lo portano a riflettere.

Fino a questo punto potrebbe essere la fiera degli stereotipi e da come l'ho scritta me ne rendo perfettamente conto ma il modo di scrivere è coinvolgente e mi ha spinto a continuare la lettura comprendendo che questo era solo l'inizio: la presentazione di alcuni personaggi, e che dietro vi era molto altro. Ripensando ai romanzi sopra citati nemmeno loro avevano delle ottime premesse se vogliamo dirla tutta eppure sono diventati dei classici del fantasy mondiale, o quasi.

Quello che mi è piaciuto molto e mi ha trascinato letteralmente nella lettura è il fatto che questo mondo ha luoghi geografici, punti cardinali, mesi e orari propri che non rispecchiano in alcun modo nulla di già letto. Molti altri dettagli mi hanno trasmesso la passione che l'autrice ha trasmesso nella costruzione di questo mondo. Un mondo che è appena uscito da un lunghissimo periodo di guerra in cui l'imperatrice è nuovamente sul trono e cerca di ricostruire l'impero mentre al contempo ha mandato in giro messaggeri che cercano persone dotate di poteri particolari. In un'isola lontana facciamo la conoscenza di Saphina, la giovane figlia della sacerdotessa della comunità, la giovane ha dei poteri che non sa controllare e per questo è considerata un pericolo per la comunità e sono ben contenti che si allontani con il messaggero che inizierà a farle da mentore.

Conosceremo un'altra donna: Ari, l'ultima guardiana della foresta ove si trovano i resti dell'antica capitale dei Toka's. Aiutata dagli uomini dell'imperatrice inizierà a restaurare l'antica capitale e gli uomini e le donne che la seguono inizieranno una nuova esperienza scavando e restaurando quella che per loro è una città del mito.

Luscinia e Tommaso dovranno affrontare la vita di tutte i giorni al loro ritorno da quella terra magica. Ritornare alla vita quotidiana per chi ha affrontato della guerra non è mai stato facile e l'autrice ha sviluppato bene la psicologia della ragazza che ai problemi di ogni giorno affronterebbe volentieri un'altra guerra in quel mondo fantastico. Nella vita di tutti i giorni Luscinia deve confrontarsi con le compagne che la prendono in giro, gli esami da affrontare e l'oppressione della famiglia terrorizzata che la giovane scompaia nuovamente chissà dove per dei mesi o forse per sempre. Ma Luscinia non è più la ragazzina insicura che era un tempo, è stata in guerra ed è cresciuta, ed è proprio questo cambiamento che non sanno a cosa sia dovuto che li spaventa. L'unica persona che le manca è Tommaso e quando lui va a trovarla per dirle che vuole tornare là per ritrovare la donna che ama Luscinia ci rimane male ma in fondo lo capisce: anche lei in fin dei conti vorrebbe ritornare ma il dolore per quello che ha vissuto è troppo e lei rimane fino a quando saranno gli eventi a riportarla nel mondo magico. 

La costruzione del mondo è molto accurata e la descrizione dei luoghi è bellissima: ci troveremo nelle foreste lungo la via elfica ad affrontare pericoli di ogni genere: dai soldati agli esseri soprannaturali. Ottimo la descrizione delle conseguenze che la guerra ha prodotto, le lotte tra i piccoli regnanti e il modo in cui amministrano la giustizia e il loro rapporto con il popolo.
| personaggi si rivelano diversi rispetto all'impressione che avevo avuto ad una prima lettura, l'apparenza spesso inganna a i personaggi di questo libro non sfuggono a questa regola. La scrittura, lineare e scorrevole, mi ha trascinato nel voler leggere ancora, complice il fatto che è un ebook ed è facile trovare ogni occasione possibile per procedere nella lettura. Alla fine ho concluso la lettura e mi sono dovuto imporre di pensare a questa riflessione prima di affrontare il secondo volume.

Non è il libro "romanticoso" che potrebbe sembrare magari dalle prime pagine e non bisogna nemmeno lanciarsi ingannare dal fatto che l'abbia scritto una ragazza e pertanto sarà soft. Vi sono combattimenti cruenti, descritti molto bene, i comprimari e anche i personaggi che incontriamo sono descritti bene e con un'ottima caratterizzazione, e nemmeno loro sono quello che sembrano o che la loro carica pretende siano. Gli intrighi di corte, gli usi e i costumi sono ben studiati, come i flashback dosati e inseriti al momento giusto. Insomma direi che questo è uno di quei libri che io amo definire selfpublishing "alti" molto alti e mi unisco a chi ha scritto che questo libro è nettamente superiore a molti altri che si trovano pubblicati in libreria e magari pubblicizzati a suon di tromba come la nuova regina del fantasy.


Concluderei scrivendo che è un libro da leggere e gustare pagina dopo pagina, uno di quei libri che si lasciano leggere fino in fondo, dove le emozioni si alternano ai sentimenti, all'acciao e al sangue lottando ogni giorno per proseguire la battaglia della vita. 


Ora vi lascio con un passaggio che mi è molto piaciuto e da domani inizio la lettura del secondo volume che voglio sapere come si conclude la storia.


Voto: 5/5


Gli arcieri, sprecato nel panico il primo lancio contro il drago, adesso correvano impazziti di terrore, senza guida, senza senso, spazzati via dalle raffiche potenti che Neromanto provocava sbattendo le ali. Il sibilo cupo della sua coda che scattava e colpiva i corpi dei malcapitati, accompagnava i movimenti calcolati di Mèlas, mentre ruotava la spalla sinistra per avere un’idea del danno subito: niente di irreparabile, ma il polmone era perforato. Due dita più in basso e il dardo gli avrebbe spaccato il cuore. Indifferente alla constatazione, il principe di Xènia mulinò la lama nera per sciogliere i muscoli e tornò a concentrarsi su quanto accadeva intorno. 
Fu accolto da un suono molliccio e scricchiolante al contempo, che fece più o meno “sgnap!”. Mèlas si voltò in tempo per vedere la metà superiore di un sicario sparite nella bocca di Neromanto. 
“Passi la carne, ma la maglia di ferro…” 
Tranquillo, il ragazzo affiancò il destriero. 
«Sputa» ordinò, appena raggiunse la testa, lunga quanto la metà del suo corpo. Il drago dimostrò di non essere d’accordo con un gorgoglio che divenne ringhio. Scoprì la dentatura spaventosa e masticò più forte; poi, come per un ripensamento, scosse testa e collo, lanciando il boccone maciullato in mezzo alla boscaglia. 
Evidentemente il sapore metallico del soldato l’aveva convinto. 














Nessun commento

Powered by Blogger.