BIBLIOTECA: Il vessillo di Porpora


Il vessillo di Porpora-Massimiliano Colombo

Editore: Mondadori
Formato: cartaceo
Pagine:461



Sinossi: Britannia, 60 d.C. Da qualche anno l'isola è sotto il giogo romano, ma le popolazioni locali sono lungi dall'essere domate, anche se l'odio fra le tribù prevale su quello per Roma. Ma quando lo stolto governatore Svetonio umilia brutalmente la regina degli Iceni, Boudicca, l'insurrezione divampa. Le legioni romane di stanza sull'isola devono preparasi a un'incerta battaglia contro il più temibile dei nemici: la sete di libertà.

Trama:Il libro racconta la storia di Marco Quintinio Aquila, un centurione primo pilum in congedo a causa di una ferita alla gamba.
La vicenda comincia con Aquila già in pensione che cerca di vivere una vita tranquilla come colono in Britannia.
Tutta la vicenda avviene nel 61 D.C. in Britannia.
La storia Verte attorno alla ribellione di Boudicca e viene vista da più ottiche diverse.
le figure di contorno quali Quinn ed Ambighat per i britanni e Falcidio e Svetorio e Vindillo per i Romani, sono presenti per dare spiegazioni di alcuni eventi e per mostrare alcuni eventi laterali al lettore.

Parere: Gli spostamenti da un capitolo all'altro sono di mesi in avanti o in dietro oltre a spostarsi di luogo.
Ogni spostamento è specificato all'inizio del capitolo tuttavia ogni tanto avvengono degli spostamenti di luogo e fazione durante i capitoli stessi e senza avvertimento. Segnati solo da qualche riga vuota.
Il racconto mostra una ricerca da parte dello scrittore riguardo alle strutture militari.
Verso la fine del libro possiamo notare che gli ufficiali dei Britanni rivoltosi applicano ragionamenti classici dei romani.
Una frase come: " loro hanno scelto il posto,sta a noi scegliere in quando" per esempio.
Per fortuna che vengono in soccorso personaggi laterali quali Quinn che risponde dicendo : "non importa tanto alla peggio siamo solo in vantaggio di 3 a 1 per noi" ragionamento da impulsivo classico.
Nel complessivo posso dire di esserne molto soddisfatto perchè è una buona lettura.
I personaggi sono ben caratterizzati e mostrano molto realismo, non esistono i buoni puri e perfetti e nemmeno i malvagi assoluti.....è una guerra tra uomini in fondo.

Voto complessivo: 4/5



Nessun commento

Powered by Blogger.