BIBLIOTECA: Dice lo Zen


Dice lo Zen - Tsai Chih Chung
Editore: Feltrinelli
Formato: Brossura
ISBN: 9788807815737
Pagine: 169
Prezzo: € 9,00

Sinossi
Più di duemila anni fa un famoso saggio taoista, di nome Chuang Tsu, scrisse un libro. Tsai Chih Chung, un giorno, lo ha illustrato con dei fumetti. Ne è nato un nuovo genere letterario: un serio libro a fumetti che illustra una profonda sapienza non allo scopo di semplificarla, bensì di renderla chiara. Le parole del cinese classico, di difficile comprensione oggi, usate nei testi buddhisti risalenti al settimo secolo, sono state tradotte in una lingua moderna e la filosofia Zen, a partire da quella più antica poi continuata fino all'epoca moderna in Cina, Corea e Giappone, è stata trasposta per immagini. 

Trama
Il libro non ha una trama comune, ogni pagina è una pillola di saggezza Zen illustrata in modo semplice, secondo una sua particolare trama, quella della piccola perla che viene svelata.

Parere
Da sempre amante del genere fumetto e curiosa di tutto quello che può darmi un qualsiasi genere di insegnamento, quando il mio compagno mi ha regalato questo libro sono rimasta molto colpita. Pensavo fosse una bufala, qualcosa di cui ridere: insomma, una cosa importante come la filosofia Zen spiegata a fumetti mi sembrava assurda, motivo per cui questo libro è finito nella pila delle cose da leggere, pila che invariabilmente tende ad aumentare invece che a diminuire, costruendo sul comodino una colonna che tra poco raggiunge le vette della Tour Eiffel.
Sei mesi di soggiorno a Taiwan però mi hanno aperto gli occhi su un mondo dove tutto, essendo il rispetto una componente essenziale del modo di vivere delle persone, viene preso molto alla leggera. Nel senso che tutto viene esplicato a fumetti, in modo “leggero”, quindi, non che il significato stesso della cosa spiegata sia tenuto in poca considerazione.
Capiamoci, questo per esempio è un avviso alle signore sulle scale mobili della metropolitana di Taipei.

Poco serio? Non certo il tema, anche se magari il modo in cui viene esposto. Però il vantaggio è quello che chiunque lo capisce, anche se non conosce la lingua in cui l’avviso è scritto. Insomma, in un paese dove anche i testi universitari di fisica quantistica sono a fumetti, l’idea di mettere a fumetti anche le basi della filosofia Zen non è poi così assurda.
Ecco quindi che appena tornata a casa in Italia per le festività natalizie, una delle prime cose che ho fatto è stata fiondarmi sulla pila delle cose da leggere e smontarla fino a trovare questo testo, affrontato ora con uno spirito totalmente diverso.

Quello che ne è emerso è una piacevole lettura di riflessione, un rilassante modo di confrontarsi con i grandi perché della vita e i grandi dubbi che spesso ci assalgono, la sua consumazione ideale è stata il letto e in compagnia, cosa che a me e al mio compagno ha rubato ore di sonno perse però nei meandri del confronto e della discussione finanche filosofica, partendo dalla lettura di una storia a sera. Certamente, nessuno dei due ha trovato quelle ore sprecate, tutt’altro: la lettura e il confronto successivo sono invece stati momenti di grande arricchimento sia personale durante i momenti silenziosi di lettura e comprensione della storia, sia di coppia nel tempo successivo passato a parlarne.
Eccomi quindi a forgiare cinque stelline a questo piccolo capolavoro senza tempo – le storie non sono farina del sacco dell’autore – reso fruibile e avvicinabile da tutti con la semplicità del linguaggio universale del fumetto, l’ottima traduzione dei testi, poi, rende la semplice filosofia Zen ancora più a portata di tutti, anche di chi non conosce il cinese.
Dall’abile mano del più grande fumettista Taiwanese, una piccola collana di perle senza tempo che non solo hanno un spazio nella mia libreria, ma che si sono create uno spazio nel mio cuore e nella mia testa.

Voto: 5/5

Nessun commento

Powered by Blogger.