BIBLIOTECA: Oltremondo


Oltremondo - Marta Leandra Mandelli
Editore: Albatros Il Filo
Formato: Brossura
ISBN: 9788856739954
Pagine: 473







Trama
Siobhan e Rowan, Ian e Adrian, due ragazze e due ragazzi che si ritroveranno, nella Milano dell'alta società, ad incrociare le loro strade quasi per caso. Si scoprirà presto che non sarà stato il fato a decidere il loro incontrarsi e innamorarsi, bensì l'ordito dei fili di un antico passato che li congiungerà in una avventura al di là della realtà, in “Oltremondo”. Marta Leandra Mandelli, in uno stile limpido e perfetto, ci porta a scoprire un mondo nuovo, in cui si perora l'eterna battaglia del bene contro il male, una guerra che si combatterà non solo contro i nemici, ma anche nel profondo della psiche perfettamente delineata dei protagonisti.

Parere
Il romanzo è scritto con uno stile semplice e scorrevole che dimostra una conoscenza approfondita dell’italiano da parte dell’autrice che utilizza, quando servono, alcuni vocaboli ricercati che ben si adattano all'atmosfera descritta.
Durante la lettura ho riscontrato pochi refusi di tipo ortografico, segno di una buona correzione da parte dell’autrice, un buon editor avrebbe eliminato anche la presenza di quei pochi errori. Quindi queste sviste sono, per conto, mio da imputare all'editore ma si sa che tutti possono sbagliare e sono talmente pochi da non rovinare la lettura del libro.

Prima di passare alle impressioni dello svolgimento della trama e delle emozioni ci tengo a precisare che sono un appassionato di gialli pertanto la mia opinione potrebbe non trovare riscontro con altri lettori. 
La trama principale del libro è la storia d’amore che si svolge tra i quattro personaggi principali che si conoscono a Milano ed insieme affronteranno le difficoltà e le disgrazie che li uniscono sostenendosi a vicenda. La storia d’amore è ben strutturata, inoltre l’autrice descrive magistralmente i risvolti psicologici dei personaggi. Direi che da questo punto di vista il libro è coinvolgente e fantastica la creazione di una Milano completamente diversa da quella che conosciamo noi, una Milano e la sua provincia che ci piacerebbe poter vedere, Il problema si verifica quando l’autrice inizia a raccontarci i sotterfugi e gli intrighi che si svolgono nella storia presentandoci doppiogiochisti e colpi di scena. Le idee sono buone ma l’autrice scrive troppo, nel senso che si intuisce quello che accadrà proprio grazie a frasi di troppo, a sguardi che non servirebbe descrivere e mi hanno anticipato lo svolgimento degli intrighi portandomi a scoprire alcune macchinazioni ben prima che avvenissero.
Nel complesso l'ho trovato godibile.

Nessun commento

Powered by Blogger.