OPINIONI: le recensioni


Quando si parla di recensioni, il tema è sempre un po' delicato.

Purtroppo ci sono generalmente tre scuole di pensiero: la recensione gamberi-style che tende a massacrare e denigrare l'opera e le capacità dell'autore solo per divertimento e per fare "audience", le recensioni a pagamento nel perfetto stile di librierecensioni.com che osannano anche le schifezze più immonde o comunque buoniste all'inverosimile nel puro stile di FantasyMagazine.it che, se proprio l'opera è illeggibile, si limita a non scrivere niente in proposito.

Sono tre opzioni che a noi stanno strette, troppo. Sono tre modi di esporre un'opinione falsa o falsata della realtà.
Quando noi demiurghi andiamo a recensire un libro, lo facciamo solo per condividere la nostra esperienza di lettura con chi ci segue, cercando di dare un parere che sia obiettivo nei limiti del comunque assolutamente personale pensiero di chi posta la recensione. La nostra idea di recensione di principio NON si basa sul presupposto di massacrare l’autore e smantellare l’opera in tutte le maniere per il semplice gusto di farlo, né di ridicolizzare certi passaggi per il semplice motivo che scrivere recensioni dissacranti aumenta l’audience. Niente di tutto questo. La nostra idea di recensione NON si basa nemmeno sul recensire sempre e solo opere belle. Dopotutto… nessuno ci paga per farlo e ci guardiamo bene dal prendere questa piega.
Sarà forse anche per questo motivo che a parte un caso, nessuno mai ci chiede di recensire le proprie opere? O sarà perché non siamo molto conosciuti e diffusi? Non lo sappiamo e non ci interessa molto, in verità, quello che ci interessa è che sia chiaro che chi si sottopone al nostro parere non avrà voce in capitolo in merito a quanto poi scriveremo, nel bene come nel male.
Poi i toni possono essere più o meno esaltati o più o meno duri a seconda di chi di noi ha scritto la recensione, quello che cerchiamo di fare comunque è quello di perseguire la sincerità.
Una sincerità che potrà essere anche brutale e non necessariamente sui libri, visto che i nostri personali interessi sono dei più vari: dai fumetti ai film, alle serie tv, agli anime e cartoni animati, videogiochi ecc.
Non buttiamo dentro tutto in questo blog, come RES PUBLICA, semplicemente perché vorremmo tenere lo stile con cui lo abbiamo fondato, parlando principalmente di storia e dei nostri racconti, senza andare a clonare una qualunque fan-community di ambito fantasy che si può trovare su internet.

Nessun commento

Powered by Blogger.