Biblioteca: La radice del rubino


  • Libri Italiani
  • Brossura 330 Pagine
  • Edizione: 1
  • ISBN-10: 889064625X
  • ISBN-13: 9788890646256
  • Editore: Plesio Editore
  • Data di pubblicazione: Jun 11, 2012












Ambientazione
Il romanzo è ambientato in un mondo immaginario i cui nomi, di luoghi e persone, si richiamano alla tradizione dell'antica grecia: vi sono i monti Clipei e la grande cittá di Pentapoli. Alcuni dei  personaggi che si in questa storia sono: Filocolo, la maga Eco e Posdocimo, nomi dalla radice antica e di richiamo aulico.

Trama
Diverse sono le storie che si svolgono in questo libro. Quella principale è la missione che Manfredi riceve dal mago Sosigene e che lo porterá a circondarsi di un piccolo gruppo di personaggi alquanto bizzarro.
Vi è poi la storia di Tamira e del capitano Paxia. Il primo brano che ho sentito di questo libro riguardava proprio queste due guerriere. Un brano letto dall'autrice con una bravura notevole, risultato di anni di teatro, che mi ha trascinato immediatamente in questo mondo bellissimo.
La storia che vede coinvolta la Maga Eco e la sua maestra Manto, in una casa isolata tra i boschi, come si addice ad ogni maga che si rispetti.
Molti altri sono i personaggi che incontriamo in questo libro, ognuno con una propria caratterizzazione e l'umanitá che li porta ad avere pregi e difetti, slanci e paure di ogni uomo o donna che vive. 


Copertina e Rilegatura
La copertina, dai toni cupi rappresenta una torre nel deserto ed evoca ogni tipo di emozione: la solitudine e l'inquietudine di un luogo simile. La qualità  lucida della copertina risulta gradevole alla vista ed al tatto. Le poche parole sulla quarta di copertina non svelano nulla sulla trama ma non risultano nemmeno essere incisive per l'acquisto del libro. Io l'ho acquistato avendo visto la presentazione a S. Giorgio di Mantova durante il Fantasy Festival.


Stile di scrittura ed emozioni
La scrittura risulta essere molto fluida e coinvolgente, spesso in poche righe l’autrice traccia dei paesaggi o delle descrizioni dei sentimenti dei personaggi mirabili. Ogni personaggio ha una sua storia e anche le figure che sembrano marginali sono ben caratterizzate e dopo molto si intravedono alcuni possibili collegamenti con gli altri personaggi.
Unica cosa che non mi è piaciuta? Il libro si conclude con un nulla di concluso. Dovrò attendere il prossimo capitolo e questa è una cosa che io odio. Dover comperare un altro libro per sapere come si concluderanno le avventure.  Viste le trecento e rotte pagine direi che, se il romanzo si concluderà con un secondo capitolo dello stesso spessore poteva farne un libro unico ma questo è un parere squisitamente personale anche perché dovrò assolutamente acquistare il libro successivo e, una volta tanto, sarò contento di farlo.



Una Frase che lo rappresenta
Una strana aria di sospensione aleggiava intorno a Prosdocimo e agli altri,come se anche loro si trovassero nel disagio dell’attesa. Ma chi o che cosa attendevano? Eco cercò la risposta tramite tutti gli spioncini, mentre la musica del flauto nella sua testa virava verso un suono drammatico, ma non riuscì a trovare la ragione dell’attesa. Un desiderio pressante di libertà la sorprese, come le succedeva da bambina; sognò le ali che esistevano solo nei giochi infantili, per volare lontano,allargare il bianco piumaggio e screziare l’azzurro uniforme sfaldando le nuvole.

Nessun commento

Powered by Blogger.