DOCUMENTARIO: Hatshepsut: la donna che governò l'Egitto

Collana Egittomania: l'affascinante mondo dell'Egitto 
Edizione italiana De Agostini 1999

La videocassetta in questione è un vecchio documentario sulla vita della regina Hatshepsut, sulla sua vita e su come divenne il primo Faraone donna della storia.
Dapprima reggente e poi regnante come sposa del dio governò su un Paese immenso e potente come l'Egitto. Guidandone guerre e spedizioni come e meglio di un uomo, cosa che evidentemente dovette pensare in quanto negli anni le sue immagini cambiarono passando da quelle con un profilo tipicamente femminile a quelle che la ritraevano In pose e con  i paramenti tipici del Faraone, compresa la barba posticcia. Dopo aver fatto costruire molti templi ed aver seguito opere pubbliche degne di un Faraone maschio all'improvviso lei scomparve nel  nulla e  al suo posto regnò il figlio Thutmosis III che fino a quel momento doveva esser rimasto in attesa.
Molti anni dopo i cartigli e quanto la ritraeva venne cancellato dal Paese. I registi del video non attribuiscono tale decisione al figlio poichè se si fosse trattata di una vendetta l'avrebbe attuata subito.

Il documentario risulta fatto molto bene, le immagini sono suggestive ed esplicative, e la narrazione non perde di ritmo tenendo l'attenzione concentrata.
Purtroppo, causa la vetustà del documentario non è stato possibile reperire delle immagini originali però abbiamo trovato un video che narra la stessa storia e lo riportiamo qui sotto augurando la buona visione ai nostri lettori.

Hatshepsut,una donna sul Trono

1 commento:

  1. Veramente affascinante la storia di questa donna che resse l'Egitto con polso di ferro, e che fu condannata a una sorta di "damnatio memoriae".. dopo di lei, solo Cleopatra ebbe il potere, sia pure un potere infinitamente inferiore al suo, e con Cleopatra finì anche la millenaria storia dei Faraoni.. ce n'è abbastanza per renderla oggetto di numerosi romanzi e per suscitare la curiosità degli appassionati.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.