BIBLIOTECA: La giustizia del Sangue



La giustizia del Sangue - Barbara Risoli

0111 Edizioni - ISBN 9788863072600
€ 15,00 Acquistabile su IBS.it




ATTENZIONE: QUESTO POST CONTIENTE SPOILER SULLA TRAMA


Dicono dei sequel che non sono mai all'altezza dell'opera prima.
Ciò non è valido per questo libro.
Dopo la recensione piuttosto dura de "Il veleno del cuore", mi ricredo sul suo sequel, "La giustizia del sangue".


Bello, bello, bello: ritmo incalzante, psicologia travolgente, personaggi a tutto tondo nella loro spietata crudeltà che nasconde un cuore vero, che sa amare.
Venanzio ed Eufrasia soffrono per la perdita, sbagliano mentendosi, rifiutandosi, si capiscono come solo le anime affini sanno fare.
In un'epoca di terrore dilagante, le scelte obbligate e rivoltanti che i nostri antieroi devono fare, come attendere la morte di Maria Antonietta per salvarne il figlio, la tragicità degli eventi che si rincorrono e che li travolgono sono uno sfondo avvincente per una storia d'amore mai sopita ma rischia un'incrinatura feroce, dettata da un destino crudele al quale i due hanno fatto fronte come meglio sapevano fare.
E poi la bastardata finale, quella feroce e necessaria in cui Venanzio si gioca il tutto per tutto, pur di avere Eufrasia ancora con sè, ancora vicina, ancora anima affine e non donna spezzata e carica di odio.
La costruzione di un sogno negato è il filo conduttore reale della storia; ambientato in un'epoca in cui ben pochi francesi hanno avuto qualcosa da sognare i nostri antieroi nella loro brutalità spiccano come gemme e ne diventano consapevoli nel mare di sangue che colora le strade di Parigi, capacitandosi di poter fare una cosa magica: perdonarsi.
Perchè in realtà non è il perdono di Dio che cercano, ma la capacità di perdonare e accettare sè stessi.
E la gioia finale è, a mio avviso, la giusta ricompensa.
Personaggi più veri, meno macchinosi e psicologicamente più realistici, ritmo incalzante, sfondo storico dalla violenza parossistica della Rivoluzione francese su tutti, senza discriminazione: uomini, donne e bambini.
Romanzo a tinte forti, per i forti di cuore. E per chi, ovviamente, il cuore se lo gioca ad ogni riga.
Un ritmo incalzante, una storia mozzafiato da leggere tutta in apnea. E quando chiuderete il libro e riprenderete finalmente il respiro, sarete decisamente soddisfatti.


VOTO: 5/5
Atia M. Rubinia

Nessun commento

Powered by Blogger.